Il Madrigale a Francesco numero XLVIII

Ed eccovi il quarantottesimo Madrigale a Francesco, dove Argia critica il parlare ambiguo di Bergoglio.

L’annotazione in calce è sempre di Lorenzo Stecchetti junior.

 
 
             XLVIII 


 Non è questo un parlare,
 Jorge Mario Bergoglio,
 ma un tristo modo d’aggirar lo scoglio.
 
 Quando un bambino muore
 Questo tu fai: cinguetti,
 mentre ai potenti del mondo sculetti.
  
 Tu non provi dolore,
 né del suo caso parli,
 mentre d’ogni altro innecessario ciarli.
 
 
 
 
 
La vicenda cui Argia fa riferimento è la barbara decisione
di un ospedale inglese di sopprimere un bambino malato,
Charlie Gard. Dopo un prolungato, ostinato silenzio,
Bergoglio emise un tweet generico di poche parole in difesa
della vita, senza neppure nominare espressamente la vittima.
In seguito il direttore della sala stampa, Greg Burke, in un comunicato comunque abbastanza ambiguo, parlando a nome di
Bergoglio, nominò esplicitamente Charlie. Argia chiude il
madrigale con il verbo “ciarli”, che si pronuncia come il
nome del bambino.

Per chi fosse interessato, disponibile, anche in formato e-Book, su vari siti. Eccone un paio.

Il sito dell’editore: https://www.youcanprint.it/umorismo-tema-religione/madrigali-a-francesco-9788831605144.html

Il sito ibs: https://www.ibs.it/madrigali-a-francesco-libro-argia-sbolenfi-novella/e/9788831605144

Anteprima disponibile su google libri:

https://wordpress.com/block-editor/post/alberto199884831.wordpress.com/373

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: